Benvenuti nel sito di Danze Orientali, oggi è Lunedì 14 OTTOBRE 2019  
Home Page About Us Corsi Spettacoli Link Utili Blog Fotogallery Video Contatti
 
Blog
Il Blog di Danze Orientali.net


ULTIMA PUBBLICATA:

 
LA DANZA ORIENTALE COME CONSAPEVOLEZZA DI SE'


Danzare bene non è solo riuscire a fare una coreografia, (soprattutto se la coreografia è imparata  a memoria ed eseguita in modo meccanico), ma è permettere alla danza che esiste  dentro di noi di esprimersi nei movimenti del corpo lasciando emergere la nostra sensibilità.

Una danza che coinvolge completamente la danzatrice, ma anche chi la osserva, è una danza  che viene  vissuta dall’interno, una danza nutrita dal respiro delle emozioni; la poesia di una danzatrice, quello che fa sognare o piangere un pubblico, sta nello sguardo interno che lei rivolge a se stessa mentre danza e nell’esprimere appieno la donna che è in lei.

Per sviluppare le proprie potenzialità, fare del corpo lo strumento della propria anima e imparare ad esprimersi con il linguaggio profondo della danza, bisogna andare contro la voce che ci inibisce, che ci dice di non metterci in evidenza, bisogna rivelare se stesse senza  fuggire da ciò  che nasce da noi.

Per crescere nella danza  bisogna  imparare a vivere il piacere del movimento, non attraverso il dominio del corpo, la razionalizzazione dei movimenti, ma lasciandosi andare, abbandonandosi al gesto, all’istinto, imparando a dare priorità alla nostra voce interiore non giudicante  che  accetta tutte le emozioni che vengono in superficie e le lascia andare.

 

Ma come poter avere  fiducia nella danza che è dentro di noi in modo che il corpo sia ispirato da un movimento genuino, un movimento che non suoni falso o innaturale ai nostri occhi  ma anche agli occhi del pubblico?

Come arrivare alla poesia di una  danza sentita veramente nel profondo, una danza che vada  al di là delle apparenze e trovi il senso nascosto in ogni movimento del corpo?

Come trovare una dimensione spirituale femminile dentro il proprio corpo per mettersi in contatto con la propria fantasia ed immaginazione  e dare quindi spazio anche alla “creazione” della propria danza?

Come imparare ad  abitare il proprio corpo, valorizzare la forza del femminile e trasmettere la propria unicità?

 

Questa danza che nasce dalla consapevolezza di sé e ci mette in contatto con la nostra interiorità e con il nostro corpo, deve cominciare non con il movimento, ma con l’immobilità e l’ascolto del respiro: quando si è attenti al proprio respiro, infatti, ci si sente  rilassati e concentrati, si ha una buona apertura alla vita, si è presenti a se stessi e si può educare il corpo e la mente a non avere fretta ma a coltivare la calma nei movimenti.

La calma nei movimenti (che non significa necessariamente eseguire una danza lentamente), si può raggiungere solo attraverso una profonda sicurezza che nasce da una piena  fiducia nel nostro corpo, dalla consapevolezza che il corpo non ci tradirà, qualunque movimento noi eseguiremo e su qualunque palcoscenico.

Per raggiungere questa fiducia, bisogna tornare indietro alle basi della danza, bisogna affidarsi alla “tecnica” della danza, bisogna educare il corpo a muoversi in modo naturale utilizzando al meglio ogni singolo muscolo, ogni singola giuntura, ogni singola parte, bisogna imparare a muoversi nello spazio senza “perdersi”, bisogna dare una cornice alle emozioni e ai sentimenti che si vogliono esprimere, bisogna imparare  a  sostituire le nozioni (ciò che si sa) con le relative percezioni (ciò che si sente).

 

 Per tutti questi motivi, si dimostra quanto mai necessaria la strutturazione di un laboratorio  in cui si possa studiare la tecnica della danza, partendo dalle sue basi, per imparare a “gestire” in modo consapevole il proprio corpo e lo spazio in cui si danza,  per approfondire lo studio della musica,  in modo da arrivare ad  utilizzare fantasia e immaginazione che partano  da noi stesse, dal nostro corpo senza  aspettare  passivamente qualcuno o qualcosa che ci muova dall’esterno.

 

Il laboratorio consisterà in workshop tematici della durata di due ore e mezzo.

 

Durante i primi 45 minuti, si effettueranno esercizi di respirazione, stretching posturale, pilates, yoga, esercizi di potenziamento muscolare, di allineamento, di coordinazione ed equilibrio; nella successiva ora e 45 minuti, si approfondiranno le seguenti tematiche specifiche:

 

 

 

- 14 OTTOBRE : LA RELAZIONE DEL CORPO NELLO SPAZIO FISICO

 

 - 25 NOVEMBRE: LA RELAZIONE DEL CORPO NELLO SPAZIO MUSICALE

 

 - 20 GENNAIO :  IL SIGNIFICATO DEL GESTO E L’USO DELLO SGUARDO

 

 - 10 FEBBRAIO :  DANZARE I SIMBOLI

 

-  17 MARZO  :  DANZARE RENDENDO ESPRESSIVA OGNI PARTE DEL CORPO

 

-  21 APRILE : FONDAMENTI DI MUSICALITA’: IL TEMPO MUSICALE E IL TEMPO       DANZATO.

 

-          19 MAGGIO : INTERPRETAZIONE DI SEQUENZE DINAMICHE E DISEGNI SPAZIALI. Possibilità, facoltativa, di portare un piccolo elaborato coreografico personale.

 

 

 

ORARIO: 10.00/12.30

 

LIVELLO OPEN

 

COSTO PER OGNI WORKSHOP:

PER LE ALLIEVE: 20 EURO

PER LE ESTERNE :25 EURO

 

IL LABORATORIO SI TIENE PRESSO L’ASSOCIAZIONE MARGANA, VIA DEI MALATESTA, 31 (VIA DI BRAVETTA)

 

 

 

"Quando il movimento diventa elastico, è danza.
Quando il movimento è totalmente presente al punto da annullare l 'ego, allora è danza.
Non occorre trovare un'altra meditazione:quando chi danza è perduto, la stessa danza diventa una meditazione.
L'essenziale è perdere sè stessi.
Viene un momento in cui tu non sei più...eppure la danza continua...."

"OSHO"

 


Fonte:
 

Lascia un Commento:
I commenti offensivi o non in linea con lo spirito del sito verranno rimossi.

* NICKNAME:
* EMAIL:

* CODICE:
* ACCETTO
Ai sensi dell'art. 7 della Legge 196/2003, i dati personali da te forniti non verranno usati ne per scopi promozionali e/o commerciali ne comunicati a terze parti.

LE PIU' LETTE:

LA DANZA ORIENTALE COME CONSAPEVOLEZZA DI SE'
Letto 18474 volte - Commenti: 0
LA DANZA DEI SETTE VELI
Letto 10588 volte - Commenti: 2
"LO STUDIO DEI RITMI ARABI E I LORO MOVIMENTI"
Letto 9788 volte - Commenti: 0
DANZARE IL FEMMINILE ED IL MASCHILE
Letto 9599 volte - Commenti: 0
STAGE DI DANZA ORIENTALE:TECNICA DEI GIRI E ARABESQUE
Letto 6036 volte - Commenti: 0

LE ALTRE ...

STAGE DI DANZA ORIENTALE:TECNICA DEI GIRI E ARABESQUE
- COMMENTI: 0
LA DANZA DEI SETTE VELI
- COMMENTI: 2
"LO STUDIO DEI RITMI ARABI E I LORO MOVIMENTI"
- COMMENTI: 0
DANZARE IL FEMMINILE ED IL MASCHILE
- COMMENTI: 0
ENTRARE IN CONTATTO CON L'ENERGIA DEI FIANCHI, DELLE GAMBE E DEI PIEDI.
- COMMENTI: 0
SPUNTI TEORICI SU "L'ESPRESSIVITA' DEI MOVIMENTI DELLE BRACCIA, DELLE MANI E DEL BUSTO"
- COMMENTI: 0
"IL PIACERE DI DANZARE"
STAGE DI DANZE ORIENTALI - COMMENTI: 0
MENU APERITIVO CENA DELLO SPETTACOLO "IL SOLE NELLA LUNA"
- COMMENTI: 1
"IL SOLE NELLA LUNA". TEATRODANZA
- COMMENTI: 0
" IL SOLE NELLA LUNA"
SPETTACOLO DI DANZA, MUSICA E POESIA. 14 E 15 MAGGIO 2010 - COMMENTI: 0

HOME PAGE - ABOUT US - CORSI - SPETTACOLI - LINK UTILI - BLOG - FOTOGALLERY - VIDEO - CONTATTI © ® www.danzeorientali.net - Diritti Riservati